Olmo Calvo, Santander, 1982. 

Nel 2004 faceva parte del gruppo fondatore del quotidiano Diagonal, occupandosi del coordinamento della fotografia. . Nel 2005 è stato cofondatore della cooperativa fotografica SUB di Buenos Aires www.sub.coop lavorando regolarmente in Argentina nella realizzazione di relazioni fotografiche. Con la Cooperativa secondaria ha vinto numerosi premi internazionali come la Biennale d'Arte di Cuenca 2009, l'Ecuador, o diversi premi nelle immagini dell'Anno dell'America Latina 2010 e 2012. . Attualmente lavora come libero professionista pubblicando le sue immagini su media nazionali e internazionali. . Nel 2012 ha vinto il primo premio del XVI Luis Valtueña International Photography Award 2012. . Nel 2013 ha partecipato al Festival internazionale di fotogiornalismo fotonico di Valencia, al Circuito fotografico documentario di Barcellona esponendo con i fotografi Samuel Aranda, Pep Bonet e Guillem Valle, ha tenuto un seminario sul fotogiornalismo in Times of Crisis nel Università di Cadice e ha esposto il suo lavoro e partecipato come docente al Festival internazionale di fotogiornalismo di Gijón. . Le sue immagini sono state pubblicate su media come Diagonal, La Marea, eldiario.es, Interviú, Yo Donna, (Spagna), Le Monde (Francia), La Repubblica (Italia), The Guardian (Inghilterra), Re_Public (Svezia), Le Monde Diplomatique (Argentina, Germania), Clarin, Pagina 12, La Nación (Argentina), El Telégrafo (Ecuador), The Nation, Lens of the New York Times (Stati Uniti), ecc. . Le sue fotografie sono state esposte e proiettate a Madrid, Barcellona, ​​Gijón, Valencia, Perpignan, Buenos Aires, Quito e San Paolo nel quadro del fotogiornalismo internazionale e di incontri di cronaca. . Negli ultimi anni ha lavorato per documentare la crisi in Spagna realizzando progetti fotograrfici come "Invisible Borders", "Victims of Sfriction" o "No Job Land". . Precedentemente ha realizzato progetti in Argentina, Bolivia, Ecuador, Brasile, Malta e Libano

Mediterraneo, una grande fossa comune

Negli ultimi anni, i movimenti migratori sono diventati uno dei principali problemi attuali, evidenziando disuguaglianze, ingiustizie e mancanza di diritti umani in gran parte del pianeta. Migliaia di persone muoiono ogni anno in fuga da guerre, situazioni di povertà o mancanza di opportunità nei loro paesi di origine. La maggior parte lo fa annegare nel tentativo di attraversare il Mar Mediterraneo; nella sua parte orientale, dalla Turchia alla Grecia, nella zona centrale, dalla Libia all'Italia, o alla sua estremità occidentale, dal Marocco alla Spagna. Nel 2018 2.242 persone sono morte su queste tre rotte. Nel 2017 sono stati oltre 3.000 e 5.000 nel 2016. Negli ultimi anni, e in assenza della volontà delle istituzioni europee, diverse organizzazioni non governative hanno organizzato missioni di salvataggio per aiutare i migranti che cercano di attraversare il mare in precarie imbarcazioni di gomma o legno. Le loro navi hanno salvato la vita a migliaia di persone, ma a poco a poco diversi governi europei hanno reso difficile il loro lavoro. Nel 2016, l'Europa ha firmato con la Turchia il cosiddetto "Patto della vergogna", per frenare la migrazione che ha raggiunto la costa greca. A metà del 2018 Matteo Salvini chiude i porti del suo paese alle imbarcazioni di salvataggio e inizia una persecuzione senza precedenti contro le ONG. E il governo spagnolo ha firmato accordi con il Marocco per ridurre l'uscita dei migranti in direzione della Spagna. Nel 2019, i partiti di estrema destra sono cresciuti in tutta Europa, basando gran parte del loro discorso sulla xenofobia e sul rifiuto della migrazione.

Parlano di noi:

I Vicoli del Mediterraneo

© 2017 by I VICOLI DEL MEDITERRANEO. Powered by Sos Computer