SIRIA.

IL MASSACRO DEL POPOLO CURDO (2019)

 

                                    ____________________________

 

Afshin Ismaeli, nato nel 1985, è fotoreporter, fotografo di guerra e ricercatore laureato in giornalismo all'Università di Oslo.

 

Nel 2005 Ismael ha iniziato a lavorare come giornalista a Erbil, in Iraq.

Da allora, Afshin ha dedicato il suo tempo a documentare guerre, conflitti e questioni umanitarie. Ha lavorato a numerosi saggi fotografici in Iraq, Siria, Iran, Turchia, Grecia e Bosnia. In Iraq e Siria, ha coperto conflitti e guerre contro il cosiddetto stato islamico. È un fotografo a contratto con il quotidiano norvegese Aftenposten.

Il lavoro di Afshin Ismaeli è stato pubblicato sulla maggior parte dei giornali norvegesi e su media internazionali come New York Times, BBC, Foreign, Policy, Wire, Global Actions, New Humanitarian, Forbes, Tirto, RTP ecc.

Da bambino nato in una zona di conflitto ed esposto alla guerra fin da piccolo, si interesa al giornalismo e alla fotografia. "Sto cercando di arrivare a storie uniche, storie non raccontate ed è spesso nelle zone di guerra", ha detto Ismaeli.

Durante la sua copertura del conflitto in Medio Oriente, è stato incarcerato e torturato dal governo turco nel 2016. "È stato incredibilmente terrificante perché avevo sentito che minacciavano di uccidermi", ha detto Afshin.

Nel 2017, durante la copertura della guerra a Mosul Ismaeli è stato ferito.

Recentemente Afshin Ismaeli ha completato una serie "Children of War", The Smugglers, Migrant Trafficking, Malnutrition e The War Against Isis in Iraq e Siria.

Ismaeli ha vinto numerosi premi, tra cui giornalista internazionale dell'anno 2017 e 2018. Giornalista dell'anno 2018 dalla società  Schibsted.

Parlano di noi:

I Vicoli del Mediterraneo

© 2017 by I VICOLI DEL MEDITERRANEO. Powered by Sos Computer